Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi
lunedì 18/11/2019    |   Ultimo aggiornamento ore 18:33    |   Lavora con noi    |  

Le strade musicali dell'Ebraismo nel compendio cinematografico di David Krakauer

San Benedetto del Tronto | David Krakauer "The Big Picture"

di

David Krakauer

"The Big Picture"

C'è una ragione per cui il violino o il clarinetto, grazie alla loro leggerezza e trasportabilità, siano gli strumenti musicali simbolo dei popoli maledetti dalla storia e costretti a vagare per la propria sopravvivenza. E' il caso degli zingari e degli ebrei. Questi ultimi, ad esempio, grazie alla loro arte hanno segnato la storia della musica americana, del commento sonoro orchestrale cinematografico alle canzoni del palcoscenico di Broadway e del Musical. Recentemente avevamo parlato di un altro disco di David Krakauer ("Checkpoint"), testa pensante del gruppo klezmer dei Klezmatics ma la sua effervescente attività ha fatto sì che a pochi mesi di distanza esca un altro magnifico suo lavoro come questo "The big picture".

Il trait d'union è rappresentato dal cinema analizzato sotto forma di temi e canzoni celebri legati in qualche modo al mondo ebraico e nella dozzina di brani di "The big picture" si entra in un mondo di classici interpretati magistralmente da questo fantastico clarinettista. Ad iniziare da John Kander e il suo celeberrimo tema di "Cabaret" fino a concludersi sul kandinskyano violinista di "The fiddler on the roof". I segni peculiari del canto ebraico si sono tutti a cominciare dal tema del ghetto di Varsavia de "Il pianista" di Polanski, arrangiato in maniera esemplare seguito dalla famiglia di ebrei russi di "Avalon" di Levinson. Non manca l'omaggio a Woody Allen con la scelta di "Si tu vois ma mère" (del grande Sidney Bechet) da "Midnight in Paris", dello standard "Body and soul" (cavallodi battaglia di un altro mito del clarinetto come Benny Goodman), tratto da "Radio days" ma anche di una pagina classica come "L'amore delle tre melarance" di Prokofiev (tratta da "Amore e guerra").

Si cita anche un po' d'Italia che ha contribuito alla storia del cinema con "La vita è bella" di Nicola Piovani, delicata e piena di nostalgia nonostante l'abito dodecafonico introduttivo, In chiave jazz Krakauer passa anche dalle invettive di Lenny Bruce ("Honeycomb") dal "Lenny" di Bob Fosse ma non dimentica il moderno cabaret del geniale Mel Brooks di "The Producers" come pure il romanticismo da "La scelta di Sophie" di Alan Pakula giocato in un dialogo teso tra violino e clarinetto cui risponde un omaggio a Barbra Streisand e all'immortale tema di "People" di Jule Styne, emigrante ebreo ukraino. Un filo rosso insomma che lega un brano all'altro, tra immagini, suoni e dolori antichi di migranti in un'opera davvero speciale che fa onore al suo intelligente autore, uno dei piu capaci e illuminati musicisti dei nostri tempi, David Krakauer.

Voto 9/10

14/07/2014





        
  



4+1=

Altri articoli di...

Cultura e Spettacolo

16/11/2019
Se chi ben comincia è a metà dell'opera, sarà un anno di sorprese e conferme per il Liceo Rosetti (segue)
13/11/2019
Roberto Michilli presenta il 16 novembre a Campli “Sentimentál” (segue)
12/11/2019
Santa Maria Intervineas: la bellezza dell’essenzialità (segue)
10/11/2019
Ivano Dionigi apre gli "Incontri" della Partecipazione (segue)
09/11/2019
Renato Minore presenterà il libro "O Caro pensiero" (segue)
09/11/2019
Remo Bodei: Un Grande Maestro Della Scuola Italiana (segue)
09/11/2019
Raffaella Milano presenta il libro "I Figli dei nemici" (segue)
04/11/2019
Luca Orsini, il cantautore con il basso (segue)

San Benedetto

16/11/2019
Se chi ben comincia è a metà dell'opera, sarà un anno di sorprese e conferme per il Liceo Rosetti (segue)
16/11/2019
"Ospedali di qualità per il Piceno e non promesse elettorali" (segue)
10/11/2019
La Samb torna alla vittoria: Di Massimo e Frediani fanno tornare il sorriso. (segue)
10/11/2019
GROTTAMMARE - VALDICHIENTI 1 - 0 (segue)
10/11/2019
Interventi di Orgoglio Civico, di 63074, del Comitato Salviamo il Madonna del Soccorso sulla Santà (segue)
10/11/2019
Ivano Dionigi apre gli "Incontri" della Partecipazione (segue)
09/11/2019
Un buon Centobuchi si arrende alla forza in avanti dell'Atl Ascoli (segue)
09/11/2019
Renato Minore presenterà il libro "O Caro pensiero" (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji